Era la sera del 16 giugno 2016, ero fuori termine di 1 giorno. A parte la pubalgia che mi accompagnava ormai da quasi due mesi, la sciatica e i fantastici 18,5 kg presi in questi bellissimi e lunghissimi 9 mesi accompagnati da nausea e vomito tutto il giorno, pensavo di arrivare al termine delle 41+2 settimane. Il giorno prima andai a fare il primo monitoraggio con la speranza di sentirmi dire che qualcosa si stesse muovendo, invece l’infermiera mi guardò e mi disse: “ci vediamo tra due giorni se non partorisce prima, ma dubito perché sua figlia non ha intenzione di uscire tanto presto”. Non vi dico il mio stato d’animo😭. Passò la notte, tutto tranquillo, mai avuta una contrazione, non sapevo neanche cosa fossero. La mattina però mi sentivo strana, piena di vita, ballavo e cantavo, ma non ci feci minimante caso a questa cosa.. arrivò la sera del 16 e come tutte le sere verso la mezzanotte andammo a dormire, ma c’era qualcosa di strano, avevo una strana voglia di dolce, volevo le crêpes, si le crêpes con la nutella.. mai avuto voglie, mai in 9 mesi, ma quella sera volevo la crêpes, e cascasse il cielo dovevo assolutamente mangiarla. Dopo mille tentativi invano di convincere mio marito ad andarmela a prendere, scesi in cucina e me la preparai. Cucinata e mangiata mi coricai a letto, andai in bagno 10 volte in un ora e quando finalmente riuscii a prendere sonno, esattamente all’1:38 mi si ruppero le acque, così, dal niente, io immobile, guardai mio marito e dissi: “e mó amo so cazzi”...😂 [CONTINUA SOTTO] 💗 #mother #mothersday #toptags #mommy #mama #motherhood #mothers #motherdaughter #mothermonster #motherandson #motheranddaughter #parenthood #motherslove #bestmomintheworld #mommylove #motherday #motherdaughtertime #mothersday2018 #motherlove #mothercare #momlife #mothership #motherdaughterlove #mothersdaygift #motherson #lovemom #family #maternity #lovemommy #mom

Vigonza

86

12

  • @eleonoracattelan_ 9:05 PM Sep 19, 2018

    Camminavo a modi gatto che non vuole entrare in acqua e andai a farmi una lunga doccia, ma di contrazioni neanche l’ombra. Pensai:”qui è lunga ancora”. Neanche fatto a tempo a pensarlo che dopo un ora iniziarono le contrazioni. Ricordo quando chiedevo alle mie amiche già mamme cosa fossero ste benedette contrazioni le loro risposte erano sempre le stesse:”vedrai quando sarà ora capirai cosa sono”. E così fu. Mancava il fiato, dio se mancava il fiato, e ad ogni contrazione ridevo, ridevo con quella risata isterica, non capivo e non sapevo cosa aspettarmi. Fatto sta che decisi di cronometrare la distanza tra una contrazione e l’altra. Ne avevo una esattamente ogni 3 minuti e 28 secondi spaccati, guardai mio marito e pensammo che fosse l’ora di andare in ospedale, onde evitare di partorire direttamente a casa 😂 e qui venne il bello: mio marito malato del pulito, prese il mocio e si mise a pulir tutto il pavimento e dopo mille mie imprecazioni la risposta fu sempre la stessa: “amore ma non può mica restare tutto appiccicoso il pavimento”😒. Dopo essermi cambiata 3 volte i pantaloni per le continue perdite e dopo ovviamente l’ultima foto in due, finalmente si decise a portarmi in ospedale. 20 min in macchina sembravano un eternità. Arrivammo in ospedale, caso strano pioveva, parcheggiammo a 50 metri dalla porta del pronto soccorso, me la feci a piedi, sotto il diluvio, con mille cose in mano. Finalmente riuscimmo a trovare una carrozzina per sedermi, è quella fu la parte più bella, eravamo solo io e mio marito per i corridoi vuoti dell ospedale, le ultime ore solo noi, e ricordo le risate che ci facemmo correndo come due bambini al luna Park mentre lui cercava di andar dritto con quel mezzo a dir poco fatiscente. [CONTINUA SOTTO]

  • @eleonoracattelan_ 9:06 PM Sep 19, 2018

    Arrivammo in sala parto, mi visitarono ma niente, 2 centimetri. Il dolore aumentava, passavano le ore ma niente, non si muoveva niente. L’unica cosa che mi diede sollievo fu il getto d’acqua calda sulla schiena. Dopo 6 ore decisero di attaccarmi una flebo di ossitocina per aumentare la durata della contrazioni. Dopo poco mi ritrovai con contrazioni quasi ogni minuto, svenivo dal dolore, ero stanca, non ce la facevo più. Entrai in sala parto, eravamo solo io, mio marito, un infermiera e l’ostetrica che non smetterò mai di ringraziare, lei, di poche parole, apparentemente dura, ma con un cuore immenso. Tre spinte dopo, esattamente 9 ore dopo, alle 10:38, sei nata tu. Ad oggi rifarei altre mille volte il parto, il male si dimentica, io non ricordo nulla del dolore, ma una cosa è certa. Pensavo di aver un carattere forte, dopo averne passate di tutti i colori nella mia vita, ma il parto, il parto ti cambia, ti cambia dentro, ti fa crescere, capisci che nella vita puoi far tutto, ti aiuta a conoscerti, ti fa scoprire lati di te che non pensavi nemmeno di avere.

  • @pamy_paccagnella 9:42 PM Sep 19, 2018

    ❤️

  • @eleonoracattelan_ 9:48 PM Sep 19, 2018

    @pamy_paccagnella ❤️❤️❤️

  • @una.semplice.mamma 6:00 AM Sep 20, 2018

    Verissimo, è un qualcosa che non si può spiegare ❤️

  • @martinamazzocchin 6:48 AM Sep 20, 2018

    ❤❤❤❤❤❤❤

  • @eleonoracattelan_ 7:22 AM Sep 20, 2018

    @martinamazzocchin amore mio❤️❤️❤️

  • @eleonoracattelan_ 7:22 AM Sep 20, 2018

    @una.semplice.mamma solo una mamma sa cosa si prova... emozioni inspiegabili ❤️

  • @wondermil 9:43 AM Sep 20, 2018

    Mi fai sorridere con le tue storie 😍😍❤️❤️

  • @eleonoracattelan_ 9:45 AM Sep 20, 2018

    @wondermil grazie é un gran complimento... ❤️

  • @_felicesloscuatros_ 2:02 PM Sep 21, 2018

    😊👏👏👏!!!!

  • @eleonoracattelan_ 2:05 PM Sep 21, 2018

    @feliceslosquatros 😍😍😍